Applicazione del paradigma dellÔÇÖInduced Gravitational Collapse (IGC) ai long gamma-ray bursts (GRBs): un nuovo indicatore di distanza.

I nuovi rivelatori per Gamma-ray bursts (GRB) forniscono dati ad ampio range di energie ed alte risoluzioni spettrale e temporale. Questo nuovo aspetto ha portato a distinguere tra differenti eventi nell'emissione prompt dei GRB ed alla recente formulazione di un nuovo paradigma per i long GRB associati a supernovae (SN): lÔÇÖInduced Gravitational Collapse (IGC). Secondo tale paradigma, i sistemi GRB-SN si originano in un sistema binario composto da una neutron star (NS) e da un nucleo stellare che esplode come SN, inducendo la NS compagna al collasso a buco nero che emette il GRB. Inoltre, queste sorgenti mostrano un comportamento comune nella loro luminosit├á nei raggi X. Ci├▓ apre la possibilit├á allÔÇÖuso di tali sorgenti come candele standard.
Responsabile Scientifico o Didattico: 
Paolo De Bernardis
SSD: 
Fis/02
estremi atto di conferimento: 
9
anno: 
2015
Tipo: 
Assegni di ricerca
oggetto: 
Titolo della ricerca
pdf_bando: 
AllegatoDimensione
PDF icon De_Bernardis_Ruffini_9_2015385.9 KB
data scadenza: 
Mercoledì, 18 Febbraio, 2015 (All day)
posti: 
1
commissione bando: 
AllegatoDimensione
PDF icon Commissione nominata173.42 KB
verbale: 
AllegatoDimensione
PDF icon graduatoria_finale.pdf354.95 KB
Allegato A: 
Compenso: 
€uro 19 367.00
ufficio e responsabile procedimento: 
Ufficio Assegni di Ricerca e Ricercatori TD
Titolare della prestazione: 
Giovanni Battista Pisani
Delibera del Consiglio di Dipartimento: 
Mercoledì, 14 Gennaio, 2015 (All day)
Periodo della prestazione: 
Mercoledì, 1 Aprile, 2015 to Giovedì, 31 Marzo, 2016

L' Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma