Short gamma-ray bursts (GRBs) ed applicazione del paradigma dell'Induced Gravitational Collapse (IGC) ai long GRBs.

I nuovi rivelatori per Gamma-ray bursts (GRBs) forniscono dati ad ampio range di energie ed alte risoluzioni spettrale e temporale. L'analisi ad alta risoluzione temporale consente la ricerca di variazioni spettrali in modo da distinguere tra differenti eventi nell'emissione prompt dei GRBs e da rivelare i reali processi fisici alla base. Questo nuovo aspetto ha portato all'identificazione del primo vero short burst, GRB 090227B, originatosi da un merging di due stelle di neutroni (NSs), e alla comprensione dell'associazione tra long GRBs e supernovae (SNe) tramite il paradigma dell' ÔÇ£induced gravitational collapseÔÇØ. I sistemi GRB-SN si originano in un sistema binario composto da un nucleo stellare che esplode come SN, inducendo la NS compagna al collasso a buco nero che emette il GRB.
Responsabile Scientifico o Didattico: 
Paolo de Bernardis
SSD: 
FIS/02
estremi atto di conferimento: 
191
anno: 
2013
Tipo: 
Assegni di ricerca
oggetto: 
Oggetto della prestazione
pdf_bando: 
AllegatoDimensione
PDF icon Bando_Assegno_Ricerca_de_Bernardis_191376.89 KB
data scadenza: 
Sabato, 18 Gennaio, 2014 (All day)
posti: 
1
Allegato A: 
Compenso: 
€uro 19 367.00
ufficio e responsabile procedimento: 
Ufficio Assegni di Ricerca e Ricercatori TD

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma